Home Cronaca Pirozzi al Governo: ”Fonderemo la Contea indipendente di Amatrice“

Pirozzi al Governo: ”Fonderemo la Contea indipendente di Amatrice“

CONDIVIDI

Una volta c’era la legge di stabilità, anche ancora oggi imperversa in tutti i comuni d’Italia e rende spendere i soldi, anche nei pochi casi in cui ci sono, quasi impossibile. Il Sindaco di Amatrice, Pirozzi, diventato un personaggio famoso durante la notte del sisma che ha colpito il suo Paese e l’Italia centrale. Pirozzi da tempo lamenta il fatto che il Governo centrale si muove con una lentezza esasperante rispetto alle esigenze immediate della popolazione. In tutto il territorio terremotato sta per iniziare il secondo inverno per migliaia di cittadini sfollati e non sono state consegnate neanche un terzo delle casette. Pirozzi, conscio che non si possono spendere soldi senza il permesso del Governo e della Ue, ma forte del fatto che Amatrice ha avuto tanti soldi da decine di migliaia di cittadini di tutto il mondo, ha elaborato una provocazione per destare le istituzioni dal loro torpore. Ecco le sue parole:

“So di iniziative straordinarie che la politica sta prendendo, ma ho la sensazione che queste iniziative che andranno al vaglio della Camera poi avranno bisogno dell’ok dell’Unione Europea, e li’ siccome si sfora il de minimis questi aiuti potrebbero essere considerati come concorrenza sleale.

“Non possiamo correre il rischio che magari l’Unione Europea dica di no e restare con il cerino in mano, non posso stare nell’incertezza, la mia gente ha bisogno di certezze. – Per questo giochiamo d’anticipo”

“Siamo pronti a fare la Contea di Amatrice. Andiamo in Giunta, io do gli indirizzi, poi andremo in consiglio, deliberiamo la Contea e partiamo”

“Poi se il provvedimento del Governo, che secondo me dovrà andare in Europa, avrà l’ok, siamo pronti ad essere felici”.

La Contea di Amatrice quindi sarà finanziata con i fondi di bilancio comunale, fondi che sono arrivati grazie alle maratone di solidarietà.